Mascherine “chirurgiche” in comunità/all’aperto: prove di efficacia e sicurezza inadeguate

Publication date: 12/05/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1607
Authors: Alberto Donzelli1Sottomesso alla peer review sulla rivista Epidemiologia&Prevenzione

Abstract: Nella pandemia da Coronavirus organizzazioni internazionali, Istituzioni ed esperti hanno all’inizio raccomandato mascherine per la popolazione solo in presenza di sintomi, ma oggi molti paesi consigliano o obbligano all’uso di mascherine, estendendo una raccomandazione dei CDC.
Il Governo italiano ne prevede l’obbligo in luoghi chiusi accessibili al pubblico, compresi mezzi di trasporto, e comunque se non si possa garantire in modo continuativo la distanza di sicurezza. Varie Regioni hanno esteso l’obbligo ovunque fuori da casa.
Questo contributo analizza criticamente gli RCT riportati in una recente revisione sistematica per valutare l’efficacia delle mascherine mediche nel prevenire infezioni respiratorie in contesti universitari/comunitari e assembramenti all’aperto, e propone quesiti pertinenti, con risposte basate su ragionamenti per quanto possibile fondati su prove.
Discute anzitutto se le prove a sostegno delle posizioni più caute del Governo (e ancor più dell’OMS e dei CDC) siano più deboli rispetto a scelte alternative, analizzando criticamente i tre RCT disponibili.
Ricorda a chi per primo spetti l’onere della prova di efficacia e soprattutto di sicurezza.
Considera effetti collaterali sanitari molto sottovalutati dell’uso di mascherine in comunità e discute possibili pericoli per chi le indossi a lungo (senza reale necessità), a partire da chi fa attività fisica, ma non solo.
Discute i motivi del successo delle mascherine nel vincere la SARS, e le importanti differenze rispetto alla COVID-19.
In conclusione, propone di considerare le prove più valide oggi disponibili, rivalutando l’obbligo di mascherine all’aperto e le sue estensioni (senza discutere l’importanza di mantenere le distanze fisiche) e di attenersi alle raccomandazioni di usarle in spazi chiusi o se la distanza fisica non si può mantenere in modo continuativo, ma evitando anche per quanto possibile usi prolungati/continuativi di mascherine all’aperto.
Estensioni degli obblighi d’uso andrebbero precedute da RCT pragmatici indipendenti, che possano stabilire un bilancio netto tra benefici attesi e possibili danni.

Cite as: Alberto Donzelli (2020). Mascherine “chirurgiche” in comunità/all’aperto: prove di efficacia e sicurezza inadeguate. E&P Repository https://repo.epiprev.it/1607

Topic: COVID-19

Key words: , , , ,

AVVERTENZA. GLI ARTICOLI PRESENTI NEL REPOSITORY NON SONO SOTTOPOSTI A PEER REVIEW.

Info

Affiliations:
1 Medico, Specialista in Igiene e Medicina Preventivo; Comitato Scientifico Fondazione Allineare Sanità e Salute

Authors’ contributions:

Competing interests: Nessuno.

Funding disclosure:

Ethics committee approval:

Copyright: Il detentore del copyright è l’autore/finanziatore, che ha concesso a “E&P Repository” una licenza per rendere pubblico questo preprint. The copyright holder for this preprint is the author/funder, who has granted E&P Repository a license to display the preprint in perpetuity.

Terms of distribution: CC BY


mask-4982908_1280[1]

Immagine redazionale con funzione decorativa, non facente parte del pre-print. Fonte: https://pixabay.com


References & Citations
Google Scholar