Tag: SARS-CoV-2

Modalità di gestione integrata nel dipartimento di prevenzione di un focolaio epidemico da COVID-19 in un grande stabilimento di lavorazione di carni della provincia di bari

Publication date: 30/06/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1888
Authors: G. Di Leone1, P. Drago2, M. Troiano3, F. Mascoli1, N. Dahbaoui2, D. Scorrano3, S. De Nitto4, L. Rizzo4, M. Iurilli4, M Pesce5, D. Lagravinese4, P. L. Lopalco6

Abstract: Diversi setting di propagazione si sono dimostrati particolarmente efficienti nella diffusione del SARS-CoV-2. A livello internazionale gli impianti di macellazione e trasformazione carni hanno generato numerosi focolai di COVID19. In questo lavoro gli autori descrivono il primo focolaio COVID19 documentato in Italia in un grosso impianto di trasformazione carni nel Sud Italia e gli interventi diagnostici e di controllo messi in atto per il suo contenimento.

More >

UV-C irradiation is highly effective in inactivating and inhibiting SARS-CoV-2 replication

Publication date: 08/06/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1750
Authors: Andrea Bianco1, Mara Biasin2, Giovanni Pareschi1, Adalberto Cavalieri3, Claudia Cavatorta3, Claudio Fenizia2, Paola Galli1, Luigi Lessio4 , Manuela Lualdi3, Edoardo Redaelli1, Irma Saulle2,5, Daria Trabattoni2, Alessio Zanutta1, Mario Clerici5,6

Abstract: The potential virucidal effects of UV-C irradiation on SARS-CoV-2 were experimentally evaluated for different illumination doses and virus concentrations (1000, 5, 0.05 MOI). Both virus inactivation and replication inhibition were investigated as a function of these parameters. At a virus density comparable to that observed in SARS-CoV-2 infection, an UV-C dose of just 3.7 mJ/cm2 was sufficient to achieve a 3 log inactivation, and complete inhibition of all viral concentrations was observed with 16.9 mJ/cm2. These results could explain the epidemiological trends of COVID-19 and are important for the development of novel sterilizing methods to contain SARS-CoV-2 infection.

More >

Modulation of COVID19 Epidemiology by UV-B and -A Photons from the Sun

Publication date: 08/06/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1746
Authors: Fabrizio Nicastro1, Giorgia Sironi2, Elio Antonello2, Andrea Bianco2, Mara Biasin3, John R. Brucato4, Ilaria Ermolli1, Giovanni Pareschi2, Marta Salvati5, Paolo Tozzi4, Daria Trabattoni3, Mario Clerici6

Abstract: It is well known that 200-290 nm ultraviolet photons (hereinafter UV-C radiation) photo-chemically interacts with DNA and RNA and are endowed with germicidal properties that are also effective on viruses (1-8). Fortunately, Solar UV-C photons of this wavelength are filtered out by the Ozone layer of the upper Atmosphere, at around 35 km (9). Softer UV photons from the Sun with wavelengths in the range 290-320 nm (UV-B) and 320-400 nm (UV-A), however, do reach the Earth’s surface. The effect of these photons on Single- and Double-Stranded RNA/DNA viruses (9-12) and the possible role they play on the seasonality of epidemics (13), are nevertheless little studied and highly debated in alternative or complementarity to other environmental causes (14-20). Notably though, the effects of both direct and indirect radiation from the Sun needs to be considered in order to completely explain the effects of UV radiations in life processes (with e.g. the UV virucidal effect enhanced in combination to the concomitant process of water droplets depletion because of Solar heat). Herein we present a number of concurring circumstantial evidence suggesting that the evolution and strength of the recent Severe Acute Respiratory Syndrome (SARS-Cov-2) pandemics (21, 22), might be have been modulated by the intensity of UV-B and UV-A Solar radiation hitting different regions of Earth during the diffusion of the outbreak between January and May 2020. Out findings, if confirmed by more in depth data analysis and modeling of the epidemics, which includes Solar modulation, could help in designing the social behaviors to be adopted depending on season and environmental conditions.

More >

Conoscere per Prevenire – Questionario infezione da virus SARS CoV-2

Publication date: 03/06/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1725
Authors: Alessia Angelini1, Fabio Capacci2, Stefano Silvestri3, Domenica Sottini4

Abstract: L’infezione da Sars CoVid 2 da circa 3 mesi occupa media e riviste scientifiche del mondo intero.
In questo breve periodo la conoscenza di questo nuovo virus si è arricchita di molti elementi, tuttavia l’argomento concernente le modalità di contagio ha probabilmente ancora molto da esplorare e definire. La prevenzione è stata attivata ai massimi livelli basandosi sul principio di precauzione spingendo al totale isolamento riducendo pertanto al minimo le possibilità di contagio.
Facendo riferimento all’esperienza maturata durante la sorveglianza epidemiologica delle più importanti patologie oncologiche causate dagli inquinanti nei luoghi di lavoro, si è ritenuto utile traslare l’esperienza sulla infezione da Covid 19 predisponendo un questionario semi strutturato che consenta di raccogliere le informazioni necessarie per procedere ad una valutazione delle esposizioni che possono essere correlate al contagio.

More >

Educate on how to close the toilet knob taps, or replace them

Publication date: 26/05/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1702
Authors: Alberto Donzelli1, Giulia Giudicatti1Sottomesso alla peer review sulla rivista Epidemiologia&Prevenzione

Abstract: According to an US study1 about a third of Covid-19 positive patients had gastrointestinal symptoms.
These symptoms include diarrhea, nausea and vomiting, are an important feature of the disease, and suggested also a possible fecal-oral transmission of the virus that needs attention.
A systematic review with meta-analysis2 of 60 studies, comprising 4243 patients, have already showed a pooled prevalence of all gastrointestinal symptoms of 17.6%. The pooled prevalence of stool samples that were positive for virus RNA was 48.1%, and 70.3% of hose collected after loss of virus from respiratory specimens tested positive for RNA virus2, though this does not mean that the viral RNA was still infectious.
Other Authors speculate on a potential fecal–oral transmission3,4. However, a laboratory study5 showed that SARS-CoV-2 virus can enter into enterocytes, but that viruses released into the intestinal lumen were inactivated by (simulated) human colonic fluid, and infectious virus was not recovered from the stool specimens of COVID-19 patients.
According to current evidence, COVID-19 virus is primarily transmitted through respiratory droplets and contact routes6. The latter can imply also the contact with contaminated surfaces. An article published in the NEJM7 analyzed the SARS-CoV-2 resistance on certain surfaces, confirming that the virus is quite stable on surfaces like stainless steel, being detected up to 48-72 hours after application.

More >

COVID-19-like symptoms and their relation to SARS-CoV-2 epidemic in children and adults of the Italian birth cohort

Publication date: 15/05/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1634
Authors: Maja Popovic1, Chiara Moccia1, Elena Isaevska1, Giovenale Moirano1, Costanza Pizzi1, Daniela Zugna1, Franca Rusconi2, Franco Merletti1, Milena Maule1, Lorenzo Richiardi1

Abstract: Background. Emerging COVID-19 pandemic caused extensive lockdowns in a number of countries, but yet unknown number of cases positive to SARS-CoV-2 escapes surveillance systems.
Methods. Mothers participating in the Italian NINFEA birth cohort were invited to complete an online questionnaire on COVID-19-like symptoms in the household. We estimated the population prevalence of COVID-19-like symptoms in children and adults, assessed their geographical correlation with the cumulative number of COVID-19 cases by province, analysed their clustering within families, and estimated their sensitivity, positive (PPV) and negative predictive values (NPV) for COVID-19 diagnosis in individuals tested for SARS-CoV-2.

More >
ProbRealediMorte-COVID19

La probabilità di morte dei casi di COVID-19

Publication date: 05/05/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1577
Authors: Enzo Coviello1

Abstract: Durante un’epidemia causata da un nuovo agente infettivo come il SARS-CoV-2 è necessario determinare la probabilità di morte degli ammalati, le differenze tra gruppi e l’evoluzione dei valori di questo indicatore nel tempo. In questa breve nota si introduce il metodo per stimare la probabilità di morte e si presenta un esempio con dati reali che mostra i risultati che si possono ottenere dalla sua applicazione.

More >
Andamento di R0

Quando arriva il picco? Appunti sulla previsione dei casi di COVID-19

Publication date: 02/05/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1460
Authors: Paolo Girardi1, Marco Braggion2, Elena Schievano2

Abstract: Proponiamo una breve descrizione teorica del modello SEIR per l’analisi della diffusione del virus COVID-19 e una procedura di stima dinamica e previsiva di R0. Applichiamo ai dati italiani una procedura di ottimizzazione basata sulla funzione di log-verosimiglianza per il calcolo del tasso di infettività e della frazione di esposti. Infine calcoliamo, per mezzo di una procedura di calibratura, la previsione degli infetti a 14 giorni dall’ultimo dato disponibile. Tutte le analisi vengono rese disponibili pubblicamente su un repository GitHub.

More >

Distribuzione e determinanti dei tempi di negativizzazione del tampone nasofaringeo per SARS-CoV-2 e di conferma della clearance virale: uno studio di popolazione sulla coorte di Reggio Emilia

Publication date: 24/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1376
Authors: Pamela Mancuso1, Francesco Venturelli1,2, Massimo Vicentini1, Cinzia Perilli3, Elisabetta Larosa3, Eufemia Bisaccia3, Emanuela Bedeschi3, Paolo Giorgi Rossi1, Reggio Emilia COVID-19 Working Group4

Abstract: Obiettivi. Descrivere la distribuzione dei tempi di negativizzazione del tampone nasofaringeo dalla diagnosi di COVID-19 e dall’insorgenza dei sintomi, valutando possibili determinati della durata della positività.
Obiettivo secondario è valutare la probabilità di conferma di clearance virale (doppio test negativo) e possibili determinanti.
Disegno. Studio di coorte prospettico.
Setting e partecipanti. Lo studio include tutti i 4538 soggetti risultati positivi per SARS-CoV-2 al 21 aprile 2020 e residenti in Provincia di Reggio Emilia. L’analisi principale include 1162 soggetti sintomatici con follow up di almeno 30 giorni (diagnosi precedente al 22 Marzo 2020).
Misure di outcome. Negativizzazione della ricerca di SARS-CoV 2 tramite RT-PCR su tampone nasofaringeo. Outcome secondario è la conferma della clearance virale valutata con un secondo tampone negativo consecutivo al primo negativo.

More >

Toscana: analisi dei dati di mortalità per il periodo 1′ Gennaio-31 Marzo 2020

Publication date: 22/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1316
Authors: Daniela Nuvolone1, Simone Bartolacci1, Cristina Padovano1, Mirko Monnini1, Marco Santini1, Francesco Profili1, Fabio Voller1

Abstract: Introduzione. Monitorare l’andamento della mortalità generale nei primi mesi del 2020 è di fondamentale importanza per valutare l’impatto dell’epidemia da Covid-19. ISTAT diffonde settimanalmente i dati di mortalità per un set di comuni subentrati nell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR).
La validazione e diffusione dei dati è iniziata, però dai comuni che hanno mostrato incrementi di mortalità maggiori a partire dal mese di Marzo 2020. Si tratta evidentemente di un bias di selezione che non consente stime sovracomunali. Per questi motivi, al fine di avere una maggiore rappresentatività regionale, l’Agenzia regionale di sanità della Toscana (ARS) ha pianificato una survey specifica. L’obiettivo era avere una panoramica la più completa possibile e recuperare anche i dati dei centri più grandi non inclusi nel gruppo di comuni fornito da ISTAT.

More >

L’accesso al pronto soccorso ai tempi del COVID-19: una analisi dei primi tre mesi nella regione Lazio

Publication date: 21/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1289
Authors: Luigi Pinnarelli1, Paola Colais1, Francesca Mataloni1, Silvia Cascini1, Nera Agabiti1, Danilo Fusco2, Sara Farchi3, Arianna Polo3, Marco Lacalamita2, Giuseppe Spiga3, Sergio Ribaldi4, Marina Davoli1

Abstract: Obiettivi. Valutare l’impatto dell’epidemia di Sars-Cov-2 sugli accessi ai servizi di pronto soccorso della regione Lazio per le patologie tempo dipendenti per problemi di salute potenzialmente non indifferibili, per sospetta sintomatologia da Sars-Cov-2 e per condizioni ad alto rischio di inappropriatezza.

More >

Strategie di sorveglianza e biomonitoraggio del contagio da SARS-CoV-2 tramite tamponi individuali, pool testing e test sierologici: un protocollo per affrontare il dopo lockdown in Regione Toscana

Publication date: 20/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1235
Authors: Gruppo di lavoro dell’Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica (ISPRO)1: Francesca Maria Carozzi, Marco Peluso, Armelle Munnia, Irene Paganini, Simonetta Bisanzi, Donella Puliti, Marco Zappa, Cristina Sani, Elena Burroni; Gruppo di lavoro del Dipartimento di statistica, informatica, applicazioni (DISIA)2: Michela Baccini, Fabrizia Mealli, Giulia Cereda, Anna Gottard, Marco Pedone, Emilia Rocco, Cecilia Viscardi; Gruppo di lavoro dell’Agenzia Regionale di Sanità della Toscana (ARS Toscana)3: Mario Braga, Fabio Voller, Francesco Profili, Paolo Francesconi.

Abstract. L’epidemia da SARS-CoV-2 in pochi mesi si è rapidamente diffusa dalla Cina al resto del mondo. L’Italia è stato il primo paese Europeo pesantemente colpito dal contagio e il nostro servizio sanitario è stato ed è tuttora messo a dura prova dal moltiplicarsi dei casi di COVID-19.

More >

Gestione clinica dell’infezione respiratoria acuta severa (SARI) quando si sospetta la malattia COVID-19. (OMS)

Publication date: 20/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1230
(Traduzione a cura di) Achille Cernigliaro1; Elise Chapin2, Anna Iossa3, Daniela Segreto1 e Salvatore Scondotto1

Abstract. Questa è la traduzione in italiano della seconda edizione (versione 1.2) del documento dell’OMS sul nuovo coronavirus SARS-CoV-2 che causa la malattia COVID-19. Il documento è , a sua volta, un adattamento della pubblicazione «Gestione clinica di soggetti con infezioni respiratorie acute di grado severo, quando si sospetta un’infezione da MERS-CoV (OMS, 2019)».
Questo testo è destinato ai medici coinvolti nella cura di pazienti adulti, di donne in gravidanza e di soggetti in età pediatrica con, o a rischio di, infezione respiratoria acuta di grado severo (SARI) quando si sospetta un’infezione da virus SARS-CoV-2. Non ha lo scopo di sostituire il giudizio clinico o la consultazione specialistica, ma piuttosto di rafforzare la gestione clinica di questi pazienti e di fornire una guida aggiornata. Sono incluse le migliori pratiche per la prevenzione e il controllo delle infezioni (IPC), il triage e le cure di supporto ottimizzate.
Il documento fornisce ai medici una guida intermedia aggiornata sulla gestione tempestiva, efficace e sicura dei pazienti con sospetta o confermata COVID-19.

More >

Valutazione del possibile rapporto tra l’inquinamento atmosferico e la diffusione del SARS-CoV-2

Publication date: 17/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1178
Authors: Marco Baldini1, Silvia Bartolacci1, Giuseppe Bortone2, Annamaria Colacci2, Katiuscia Di Biagio1, Valerio Di Buono3, Jacopo Dolcini3, Giangabriele Maffei4, Stefano Marchesi2, Ada Mescoli4, Federica Parmagnani2, Gelsomina Pillo2, Vanes Poluzzi2, Andrea Ranzi2, Stefania Serra2, Thomas Valerio Simeoni1, Stefano Zauli Sajani2

Abstract: La rapida e drammatica diffusione dell’epidemia di COVID-19 ha richiamato l’attenzione di studiosi e ricercatori di tutte le discipline nell’intento di comprendere non solo le modalità di propagazione del virus SARS-CoV-2 e dei suoi meccanismi di interazione con l’ospite, ma anche di indagare tutte le possibili concause che possono aver giocato un ruolo determinante nel numero dei contagi e nella severità della malattia.
In tale contesto, abbiamo cercato di comprendere, sulla base delle attuali conoscenze, il ruolo che i fattori ambientali, incluso il particolato aerodisperso, potrebbero avere avuto sulla diffusione della pandemia da SARS-CoV-2 e, in particolare, sulla severità dei sintomi e degli esiti sanitari, e ad approfondire la possibile interazione tra gli inquinanti atmosferici e le infezioni respiratorie, anche sulla base del meccanismo di azione del virus con l’ospite. L’analisi effettuata ha consentito di rilevare alcune aree di ricerca meritevoli di ulteriori approfondimenti.

More >

La protezione respiratoria contro il virus SARS-CoV-2

Publication date: 14/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1083
Authors: Stefano Silvestri1, Alessia Angelini2, Pietrogino Barbieri3, Fabio Capacci4, Francesco Carnevale4, Fulvio Cavariani5, Orietta Sala6

Abstract. Gli autori di questo testo sono medici ed igienisti del lavoro ben coscienti che l’approvvigionamento di DPI sia molto difficile e che rappresenti sicuramente un aspetto critico in questa emergenza.
Tuttavia ritengono opportuno fare alcune precisazioni che riguardano soprattutto il personale impegnato nelle strutture sanitarie ad ogni livello e la protezione della popolazione generale.
Queste precisazioni hanno per oggetto unicamente le maschere di protezione respiratoria, argomento alquanto dibattuto oggigiorno e che riveste aspetti sicuramente prioritari, ma si tiene a ricordare che la protezione respiratoria rappresenta soltanto una parte della prevenzione dal contagio, che si attua mediante l’informazione, la formazione, altri dispositivi di protezione individuale e collettiva e l’ottemperanza di corrette procedure di lavoro.
I dati sui contagi e sui decessi del personale sanitario impegnato in prima persona nei luoghi di soccorso e di cura, non sono altro che un tragico effetto della mancata attuazione di corrette misure di prevenzione.

More >

Oltre il picco: analisi e previsioni dell’epidemia da SARS-CoV-2 in Toscana

Publication date: 10/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/1085
Authors: Michela Baccini1, Giulia Cereda1, Cecilia Viscardi1, Anna Gottard1, Fabrizia Mealli1

Abstract. L’Italia è stato il primo stato europeo raggiunto dall’epidemia da SARS-CoV-2 e rappresenta uno dei paesi attualmente più colpiti dal contagio. Seguendo l’esempio della Cina, ha attuato misure progressive di distanziamento sociale fino a un completo lockdown esteso a tutta la nazione.
Il reale processo di diffusione di una malattia infettiva è molto complesso e dipende da innumerevoli fattori, ma sotto alcune assunzioni la dinamica del processo può essere semplificata e riprodotta attraverso modelli matematici. In questo articolo utilizziamo un modello compartimentale di tipo SIRD, calibrato sui decessi osservati per descrivere l’andamento dell’epidemia da SARS-CoV-2 nella regione Toscana.
Questo modello è da noi utilizzato per stimare uno scenario controfattuale di evoluzione naturale del contagio in assenza di politiche di distanziamento sociale, per valutare l’efficacia delle misure di contenimento intraprese e per produrre previsioni a breve e medio-lungo termine utili al fine di pianificare azioni nell’immediato futuro.

More >

Rischio biologico da SARS-CoV-2 e dispositivi di protezione respiratoria per gli operatori sanitari e assistenziali: uno scenario da modificare urgentemente

Publication date: 06/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/884
Authors: Pietro Gino Barbieri1Sottomesso alla peer review sulla rivista Epidemiologia&Prevenzione

Abstract. Il diffuso rischio biologico da SARS-CoV-2 sta producendo un pandemia che in Italia si è già tradotta in devastanti conseguenze, non solo sulla popolazione generale ma anche sugli operatori sanitari ed assistenziali impegnati nella diagnosi e cura delle persone con COVID-19. Tra le misure di contenimento del rischio di contagio assume un ruolo importate la protezione personale con dispositivi che impediscano, o riducano, l’inalazione dell’aria contaminata.
A fronte di un rischio biologico così grave si sono diffusi protocolli operativi e raccomandazioni istituzionali carenti e contradditorie, che richiedono di essere rettificati. Si assiste a un uso troppo frequentemente improprio di protezioni assai poco efficaci per il personale esposto, come le mascherine chirurgiche; maschere respiratorie adeguate a proteggere i lavoratori sono invece scarsamente utilizzate, mentre il loro impiego dovrebbe essere garantito più estensivamente di quanto raccomandato ed osservato, in ottemperanza alla normativa vigente di igiene del lavoro.

More >
Scroll Up