Categoria: COVID-19

Undetected Cases of Covid-19 and Effects of Social Distancing Strategies: a Modeling Study in Piedmont Region

Publication date: 07/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/929
Authors: S. Pernice (SP)1, P. Castagno (PC)1, L. Marcotulli (LM)1, M. M. Maule (MMM)2, L. Richiardi (LR)2, G. Moirano (GM)2, M. Sereno (MS)1, F. Cordero (FC)1, M. Beccuti (MB)1

Background. The coronavirus disease 19 (COVID-19) is viral infection highly transmittable caused by severe acute respiratory syndrome coronavirus 2 (SARS-CoV-2). In February 21-st, 2020 the first person-to-person transmission of SARS-CoV-2 was reported in Italy. Afterwards, the number of people infected with COVID-19 increased rapidly, firstly in northern Italian regions, e.g., Piedmont, then it rapidly expands in all Italian territories.
In this context computational models and computer simulations are one of the available research tools that epidemiologists can exploit to better understand the spreading characteristics of thus diseases and to decide the social measures to counter, mitigate or simply delay the spread of the infectious diseases.

More >

Rischio biologico da SARS-CoV-2 e dispositivi di protezione respiratoria per gli operatori sanitari e assistenziali: uno scenario da modificare urgentemente

Publication date: 06/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/884
Authors: Pietro Gino Barbieri1Sottomesso alla peer review sulla rivista Epidemiologia&Prevenzione

Abstract. Il diffuso rischio biologico da SARS-CoV-2 sta producendo un pandemia che in Italia si è già tradotta in devastanti conseguenze, non solo sulla popolazione generale ma anche sugli operatori sanitari ed assistenziali impegnati nella diagnosi e cura delle persone con COVID-19. Tra le misure di contenimento del rischio di contagio assume un ruolo importate la protezione personale con dispositivi che impediscano, o riducano, l’inalazione dell’aria contaminata.
A fronte di un rischio biologico così grave si sono diffusi protocolli operativi e raccomandazioni istituzionali carenti e contradditorie, che richiedono di essere rettificati. Si assiste a un uso troppo frequentemente improprio di protezioni assai poco efficaci per il personale esposto, come le mascherine chirurgiche; maschere respiratorie adeguate a proteggere i lavoratori sono invece scarsamente utilizzate, mentre il loro impiego dovrebbe essere garantito più estensivamente di quanto raccomandato ed osservato, in ottemperanza alla normativa vigente di igiene del lavoro.

More >

Approaches to daily monitoring of the SARS-CoV-2 outbreak in Northern Italy: an update (04/04/20) for all Italian regions

Publication date: 06/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/871
Authors: Giovenale Moirano1, Lorenzo Richiardi1, Carlo Novara2, Milena Maule1

Abstract. This short report is an update of the previously uploaded manuscript entitled “Approaches to daily monitoring of the SARS-CoV-2 outbreak in Northern Italy” (repo.epiprev.it/706). In this report we included data from all Italian regions up to the 4th of April.

More >

A low LDL-Cholesterol is a risk factor for infectious diseases in the elderly. What about LDL-cholesterol-lowering drugs?

Publication date: 03/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/862
Authors: Alberto Donzelli1Sottomesso alla peer review sulla rivista Epidemiologia&Prevenzione

Abstract. Molti articoli su COVID-19 hanno documentato che anziani portatori di comuni patologie croniche sono i soggetti a maggior rischio di infezioni gravi e di evoluzione sfavorevole.
Si tratta di informazioni importanti per una loro maggior tutela. Tuttavia, al di là delle note misure igieniche e di distanziamento sociale, non danno indicazioni empowering su quanto chi li assiste e gli interessati stessi possono fare per ridurre in tempi brevi il proprio rischio specifico.
Oltre a modifiche di stili di vita a rischio, ciò può includere farmaci di comune impiego, la cui assunzione potrebbe ridurre o aumentare il rischio. Ad attrarre l’attenzione sono stati anzitutto ACE inibitori e sartani, ma ci sono altre terapie che interessano trasversalmente quasi tutti gli anziani cardiopatici e/o diabetici: gli ipolipemizzanti.
Ci sono basi biologiche per un’interferenza con le infezioni, e indicazioni epidemiologiche associano una bassa colesterolemia LDL a un maggior rischio infettivo, soprattutto in età avanzata. Verificare l’esistenza di un’associazione positiva nei casi gravi di COVID-19 sarebbe una priorità.
Se confermata, si potrebbe attuare un deprescribing con bilancio netto favorevole, a partire dai troppi anziani che assumono terapie ipolipemizzanti aggressive in prevenzione primaria, nonostante l’assenza di prove convincenti di benefici netti, e la presenza di molte indicazioni di segno contrario.

More >

Andamento della Mortalità Giornaliera (SiSMG) nelle città italiane in relazione all’epidemia di Covid-19, 1 Febbraio – 28 Marzo (secondo rapporto)

Publication date: 03/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/845
Authors: (a cura di) Marina Davoli,1 Francesca de’ Donato,1 Manuela De Sario,1 Paola Michelozzi,1 Fiammetta Noccioli,1 Daniela Orrù,1 Pasqualino Rossi,2 Matteo Scortichini1

Sintesi. L’andamento della mortalità settimanale per tutte le età e per le classi di età (65-74, 75-84, 85+) aggiornata al 24 marzo 2020 separatamente per le città del nord e del centro-sud continua a mostrare nelle città del nord un incremento della mortalità in tutte le classi di età, mentre nelle città del centro sud tale fenomeno è molto contenuto e si osserva un lieve incremento solo partire dalla scorsa settimana. Confrontano i dati per settimana, tuttavia nell’ultima settimana (21-27 marzo) si evidenzia nelle città del nord un minor incremento dei decessi osservati (79 in meno, rispetto alla settimana precedente, rispettivamente +216 decessi nell’ultima settimana +295 decessi nella settimana 14-20 marzo).

More >

Approaches to daily monitoring of the SARS-CoV-2 outbreak in Northern Italy

Publication date: 02/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/706
Authors: Giovenale Moirano1, Lorenzo Richiardi1, Carlo Novara2, Milena Maule1

Abstract. Italy was the first European country affected by the Sars-Cov-2 pandemic, with the first autochthonous case identified on Feb 21st. Specific control measures restricting social contacts were introduced by the Italian government starting from the beginning of March.
In the current study we analysed public data from the four most affected Italian regions.
We (i) estimated the time-varying reproduction number (R_t), the average number of secondary cases that each infected individual would infect at time t, to monitor the positive impact of restriction measures; (ii) applied the generalized logistic and the modified Richards models to describe the epidemic pattern and obtain short-term forecasts. We observed a monotonic decrease of R_t over time in all regions, and the peak of incident cases approximately two weeks after the implementation of the first strict containment measures. Our results show that phenomenological approaches may be useful to monitor the epidemic growth in its initial phases and suggest that costly and disruptive public health controls might have a positive impact in limiting the Sars-Cov-2 spread in Northern Italy.

More >

Potential effects of airborne particulate matter on spreading, pathophysiology and prognosis of a viral respiratory infection

Publication date: 02/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/688
Authors: Simona Re1, Angelo Facchini2

Abstract. Scientific studies show evidence of a correlation between air pollution levels and respiratory diseases, with a possible increase in the morbidity of respiratory viral infections. However, following the outbreak of Covid-19, the possible effects of the PM (particulate matter) concentrations on the susceptability and pollution-mediated effects are not scientifically demonstrated yet.
In order to shed light on this topic, we performed a narrative review of the scientific literature upon the potential effects of PM on spreading, pathophysiology and prognosis of viral respiratory infections related to Covid-19.
We discuss four hypotheses: 1) how can air pollutants affect the prognosis of respiratory infectious diseases; 2) how can the interaction between air pollutants and pathogens increase the infectious potential of respiratory pathogens; 3) how can air pollutants foster the infectious potential of respiratory pathogens by veiculating them; 4) how can air pollutants worsen the respiratory co-infections by increasing antibiotic resistance.

More >

Prevalence of SARS-CoV-2 (COVID-19) in Italians and in Immigrants in Northern Italy

Publication date: 01/04/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/538
Authors: The Reggio Emilia COVID-19 working group1
Correspondence: Paolo Giorgi Rossi, Azienda USL – IRCCS di Reggio Emilia, via Amendola 2, 42122, Reggio Emilia, Italy, paolo.giorgirossi@ausl.re.it

Abstract: It has been hypothesized that bacille Calmette-Guerin (BCG) vaccine can be protective against COVID-19.
We report that immigrants resident in Reggio Emilia province, mostly coming from countries with high BCG vaccination coverage, and Italians had a similar prevalence of infection (OR 0.99; 95 % confidence interval [CI] 0.82-1.2) and similar probability of being tested (OR 0.93; 95% CI 0.81-1.1).

More >

Andamento della Mortalità Giornaliera (SiSMG) nelle città italiane in relazione all’epidemia di Covid-19. Report 1 Febbraio – 21 Marzo 2020

Publication date: 30/03/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/296
Authors: (a cura di) Marina Davoli,1 Francesca de’ Donato,1 Manuela De Sario,1 Paola Michelozzi,1 Fiammetta Noccioli,1 Daniela Orrù,1 Pasqualino Rossi,2 Matteo Scortichini1

Sintesi. I n relazione all’emergenza sanitaria da COVID-19, la sorveglianza giornaliera della mortalità rappresenta uno strumento strategico al fine di valutare l’impatto sulla mortalità dell’epidemia, poiché consente di monitorare l’andamento temporale e di stimare l’incremento di mortalità associato direttamente e indirettamente alla diffusione del virus COVID-19.
In Italia dal 2004 è attivo il Sistema di sorveglianza della mortalità giornaliera (SiSMG); Il SISMG è stato sviluppato nell’ambito del Progetto del Ministero della Salute Azione centrale CCM- Piano Nazionale di Prevenzione Effetti Ondate di Calore coordinato dal Dipartimento di Epidemiologia del SSR Lazio, ASL Roma 1 (DEPLAZIO) nella sua funzione di Centro di Competenza nazionale della Protezione Civile; il SISMG è operativo in 33 città, capoluoghi di regione o città con più di 250,000 abitanti.
I dati di mortalità relativi ai decessi dei residenti deceduti nel Comune vengono notificati giornalmente dagli Uffici Anagrafi dei Comuni al Dipartimento di Epidemiologia del SSR Lazio, ASL Roma 1 (DEPLAZIO) attraverso una piattaforma online. La stima dell’eccesso di mortalità è calcolata come differenza tra i valori della mortalità osservata e i valori della mortalità attesa, utilizzando come dato di riferimento la serie storica dei 5 anni precedenti. I dati di mortalità vengono analizzati tutte le classi di età e per la popolazione anziana (65-74. 75-84, 85);
Un grafico sintetico dell’andamento della mortalità è pubblicato a cadenza settimanale sul portale del Ministero della salute.

More >

Short-term effects of mitigation measures for the containment of the COVID-19 outbreak: an experience from Northern Italy

Publication date: 29/03/2020 – E&P Code: repo.epiprev.it/257
Authors: Giovenale Moirano,1 Maurizio Schmid,2 Francesco Barone-Adesi3

Abstract: In the last weeks several countries implemented mitigation measures in the attempt to curb the COVID-19 epidemic. While these interventions showed to be effective in Wuhan (China), it is not clear whether these results are directly applicable to other countries (1). We conducted a first evaluation of the effectiveness of such measures in a small Italian area, taking advantage of the fact that it introduced the mitigation measures two weeks ahead the rest of the country.

Following the detection of the first cases of COVID-19 in Lombardy, the Italian Government enforced different policies to contain the local outbreaks. On February 23rd, a total lockdown was issued for 10 municipalities in the Lodi Province (Lombardy Region), and the measures included:  a) strict home confinement to the entire population; b) closure of all the non-essential commercial activities; c) mobility restrictions related to the involved municipalities (2).

More >
Scroll Up